Come si elegge il Pontefice oggi

 

Le maggioranze richieste per l’elezione del papa e i sistemi di votazione variarono nel tempo. Le votazioni potevano avvenire per scrutinio (votazione fino al raggiungimento della maggioranza richiesta), per acclamazione, per compromesso (nel caso in cui l’impossibilità dell’accordo induceva a delegare la scelta dell’eletto ad un piccolo gruppo di cardinali), per accesso (quando un candidato era giunto vicino alla maggioranza richiesta si poteva chiedere ai cardinali che non lo avessero votato di farlo).

Attualmente, aboliti i modi di elezione detti per acclamationem o inspirationemper compromissum, e l’accesso, la forma di elezione del Romano Pontefice è unicamente per scrutinium secondo la Costituzione Apostolica Universi Dominici Gregis de Sede Apostolica vacante deque Romani Pontificis electione (1996) nn. 62 e 75. La maggioranza qualificata dei due terzi senza il voto aggiuntivo previsto dalla costituzione Vacantis Apostolicae Sedis (8 dicembre 1945) di Pio XII era stato ripristinato da Giovanni XXIII con la lettera apostolica motu proprio Summi Pontificis Electio (5 settembre 1962) confermando “pienamente la legge già stabilita e religiosamente conservata da molti secoli” (art. XV).

 

Per un quadro sintetico dei cambiamenti attuati nel secolo scorso leggi Così è cambiata la regola dei due terzi su 30giorni.it...

Consulta il testo della costituzione Vacantis Apostolicae Sedis riguardo al diritto di voto e leggi il commento relativo all'articolo specifico su conclave.it...

Trovi il testo in latino della lettera apostolica motu proprio Summi Pontificis Electio su vatican.va...

 

Il video fa parte del kit formativo di Michela Guidi sul conclave. Vai al kit...