Pluralismo religioso

Contenuti correlati a "Pluralismo religioso"

Il filosofo Abū Naṣr al-Fārābī

Il filosofo-governante come maestro della pluralità Abū Naṣr al-Fārābī
un filosofo islamico a difesa della diversità di credo religioso
 
Il filosofo arabo Abū Naṣr al-Fārābī (870-950 ca.) è, secondo Strauss, colui che meglio ha saputo esprimere un pensiero pienamente filosofico-razionale attraverso la cosiddetta “scrittura reticente”, ovvero in modo superficialmente accettabile per i più, e allo stesso tempo, grazie ad ambigue spie testuali, comprensibile nella sua verità a pochi altri eletti. Così facendo, al-Fārābī sarebbe stato capace sia di convivere in modo pacifico con una società tradizionale e ignorante, difendendosi da eventuali persecuzioni, sia di avvicinare alla filosofia i pochi in grado di coglierla.

 

Continua a leggere su Il Chiasmo, magazine di treccani.it...
 

Scopri di più sulla filosofia arabo-musulmana grazie al kit formativo di Pars Falsafa, a cura di Ivana Panzeca. Vai al kit...
 

Data: 09 Marzo 2022

Gli aleviti in Turchia

Gli aleviti in Turchia o la tolleranza non ricambiata

 

Rappresentano circa il 20% della popolazione turca, ma sono sottoposti a gravi discriminazioni e lottano per essere riconosciuti ufficialmente come religione. La loro situazione, da sempre complicata, è peggiorata dopo il tentativo di golpe del 2016

 

Continua a leggere su oasiscenter.eu...
 

Data: 16 Giugno 2021

«Xinjiang, la guerra invisibile della Cina»

«Xinjiang, la guerra invisibile della Cina»

 

Una «guerra» non dichiarata, invisibile. Una «guerra» massiccia, tentacolare. Una «guerra» fatta di detenzioni di massa, torture, sorveglianza che ha finito per creare «un paesaggio distopico infernale di proporzioni spaventose» nella regione dello Xinjiang. Una «guerra» che la Cina sta combattendo non contro un altro Stato, non contro un nemico dichiarato ma contro le minoranze – uighuri, kazachi, uzbechi – della regione che scheggiano la pretesa compattezza con cui il regime vuole presentarsi al mondo. L’accusa, durissima, arriva da Amnesty International. 

Continua a leggere su avvenire.it...

Leggi anche Un nuovo studo mostra l'impatto a lungo termine delle politiche cinesi sul controllo delle nascite nello Xinjiang su gariwo.net...
 

Data: 16 Giugno 2021

Esperienze di incontro tra ebrei e non ebrei

Esperienze di incontro tra ebrei e non ebrei

Convegno di studi internazionale a Camaldoli, 4-9 luglio 2021

 

Nel 2019 sono state ideate le “Settimane di studi internazionali sull’ebraismo italiano”. Si tratta di un’iniziativa annuale che pone all’attenzione del pubblico l’esperienza dell’ebraismo
italiano dall’Unità d’Italia ad oggi. In attesa del primo grande evento dedicato alle donne ebree d’Italia in programmazione per il 2022,
quest’anno il Monastero di Camaldoli in collaborazione con la Fondazione CDEC e i Colloqui Ebraico Cristiani di Camaldoli hanno deciso di proporre al pubblico un ciclo di appuntamenti incentrati sul tema dell’incontro fra ebrei e non ebrei nella storia d’Italia.

 

Data: 16 Giugno 2021

Misurare il pluralismo religioso

Misurare il pluralismo religioso. Tendenze di ricerca, dimensioni storiche e sfide globali
Mercoledì 16 giugno 2021 ore 17.30
 

Dialoghi delle Cattedre Unesco: un laboratorio di idee per il mondo che verrà. Un programma di incontri Webinar realizzati dalle Cattedre UNESCO italiane sui temi dello sviluppo sostenibile

Francesca Cadeddu, Università di Modena e Reggio Emilia;
Susanna Mancini, Università di Bologna;
Stefano Manservisi, Global Community Engagement and Resilience Fund;
Alberto Melloni, Fondazione per le scienze religiose, Cattedra UNESCO sul pluralismo religioso e la pace;
Alessia Passarelli, Fondazione per le scienze religiose.

Scopri come seguire il webinar su fscire.it...
 

 

Data: 16 Giugno 2021

Il ritorno al sacro è una religione senza Dio?

Il ritorno al sacro è una religione senza Dio?

Un saggio di Carmelo Dotolo fa il punto sull’età post-secolare e traccia il panorama di un desiderio di spiritualità svincolata da dogmi e trascendenza. Una sfida per la teologia cristiana
«Forse ci rimane soltanto l’assenza di Dio. Accettata e vissuta pienamente, quell’assenza è una forza viva, un mysterium tremendum »: le parole accorate di George Steiner, forse il più grande critico letterario degli ultimi decenni, scomparso poco più di un mese fa, fanno da viatico a un saggio appena edito da Queriniana che ha per titolo Dio, sorpresa per la storia. Per una teologia post- secolareì

 

Leggi l'intervista su avvenire.it...

Puoi consultare una scheda del libro nei Consigli di lettura di Pars...

Data: 17 Marzo 2020